LA CAMERA A NEBBIA

Alcuni alunni di 5AA e 5AB hanno preparato una camera a nebbia, un rilevatore di particelle che permette di visualizzare il passaggio di particelle subatomiche, nello specifico di raggi cosmici.
La camera è composta da un contenitore saturo di vapore di isopropanolo, che forma la nebbia visibile all’interno della scatola. Le particelle, passando, ionizzano le molecole di gas, che condensano i piccole goccioline lasciando tracce visibili.
Il lavoro è stato fatto in totale autonomia dai ragazzi, che hanno preparato un progetto, recuperato il materiale, costruito lo strumento ed organizzato l’osservazione nel laboratorio di Fisica.
I raggi cosmici rilevati dalla camera a nebbia sono particelle ad alta energia che, provenendo dallo spazio, attraversano l’atmosfera producendo, con una serie di fenomeni, muoni, particelle subatomiche simili ad elettroni ma più massivi, che riescono a raggiungere la Terra prima di decadere grazie alla dilatazione temporale descritta dalla relatività ristretta di Einstein.

LE FOTO DELLA CAMERA A NEBBIA

LA RASSEGNA STAMPA